La mia cura per la malinconia

Dicembre, preparazioni al Natale, feste, parenti, amici e tante altre cose. Tutte belle ovviamente, ma personalmente, sarà l’età o la particolare percezione emotiva, io soffro di malinconia in questo periodo.
Fortunatamente la manualità e la mia macchina per cucire, riescono a mettere in pausa i miei malesseri. Ne ho dovuto fare di cose per superare questo finale del 2013…
La prima che vi faccio vedere è questo delizioso portamollette, chiesto da una simpatica signora fiorenetina molto esigente.



Poi per tutte le cuoche pasticcione come me, quelle che spesso macchiano il forno...
La soluzione: il copriforno, ovviamente non uno solo, si deve poter cambiare.
pizzi antichi e uncinetto
chiacchierino e sangallo
cuori e civettine
Sono diventati tutti regali per natale, e anche questi cuori da insinuare in mezzo alla biancheria...
i loro gessetti permettono di metterci l'essenza preferita.
tessuto "medievale" con pizzi antichi
Le ultime due cose, portachiavi a cuore con la zip e  una simpatica coniglietta, regalo per una bimba bellissima di nome Viola. Era felicissima alla vista del suo nuovo gioco...


Che ne dite della mia cura? Non fa miracoli , ma il lavoro manuale è un ottimo rimedio per la malinconia...
Quasi dimenticavo, buon anno!!
Mary.dp


Etichette: , , , , , , , , , , ,