La stoffa di Prato



Nel mondo del fatto a mano, fai da te, cucito, bricolage, riciclo, c’è una cosa indispensabile: il tessuto.
Ebbene, noi a Prato di tessuto ne sappiamo e ne abbiamo, in abbondanza. Personalmente ho una scorta ricca di tante qualità, dalla nascita della mia passione, intorno ai dodici anni, ho accumulato tagli e metri, manca il tempo per fare…
Prato è ancora il luogo dello scampolo, c’è un sacco di aziende, dove le stoffe sono vendute a peso, praticamente a pochissimo. Per esempio si può trovare il cotone da camice, che costa intorno ai trenta euro il chilo, mediamente il taglio per una camicia da uomo, circa cm 1.50, costa intorno ai sette euro. Questi posti sono irresistibili, come si fa a non comprare quando sei sommersa di tessuti bellissimi? Capita anche, quando sei contagiata dalla passione del cucito, che anche i piccoli avanzi, i tessuti già usati, qualsiasi cosa fatto di stoffa, possono tornare a nuova vita.
Stamattina una vecchia tenda ormai lisa dai lavaggi e l’avanzo di cotone a righe, pochi centimetri, sono serviti per far questi:


mica poco! Costo zero!
Se siete appassionate, unite, l’utile al dilettevole, una vacanza in toscana, oltre all’arte, cibo e buon vino, aggiungete un tuffo in mezzo ai nostri produttori di tessuti, io sarò lieta di indicarvi chi fa i prezzi migliori per noi creative. Anteros vi aspetta, visitate il sito
del BandB! 



Etichette: , , , , ,