Singletudine

Dicono di volerti bene e allora in nome del bene esprimono giudizi e tesi sul tuo operato.
È uso farlo con i nostri affetti e certamente in buona fede. A volte però lascia perplessi, in me ricevere “suggerimenti” scatena dubbi, tormenti, riflessioni e mi costringe a mettermi in discussione.
“Singletudine"ecco cosa sto vivendo. Un sostantivo moderno ma significato atavico. Per questo perseverano a farmi sentire colpevole.
“Dovresti essere più aperta.”
“Cerca di essere meno selettiva, hai difetti pure tu.”
“A volte sai bisogna accontentarsi.”
“A una certa età non si può più pretendere l’amore.”
“E’ colpa tua, sei respingente.”
Chi è solo, spesso ha sentito queste cose, può comprendere quanto scomodo sia e nello stesso tempo, quanto è difficile porvi soluzione.
Non voglio psicanalizzare chi si esprime e se ne ha la facoltà, diventerei pari a loro…
E’ certo però che noi single abbiamo la nostra giustificazione. Vogliamo entusiasmo, trasporto, emozioni vere. Per queste cose non c’è tempo giusto, è l’amore.
Ieri,oggi,domani...per ora io!
Comprendo chi si adegua a compromessi per necessità, qualunque essa sia, ma io voglio desiderare un uomo, non subirlo per avere uno status. Quindi “amici”permettetemi di essere selettiva e di ascoltare i miei umori, ho il dovere di rispettare i miei veri desideri…Mary.dp